giovedì 25 agosto 2016

C'è una casina rosa

C'è una casina rosa, là fuori.
Non ho ancora avuto il coraggio di spostarla.
Sono tornati gli incubi, la notte. Non sono pesanti, mi danno argomenti di cui parlare durante le mie giornate.
Le convivenze impossibili.
Quante possibilità possono essere date prima di poter dire: "Te le sei bruciate tutte"?
Insoddisfazione. Insoddisfazione. Insoddisfazione.
Lo sguardo della mia migliore amica che si alza dalla coppa gelato.
"Non so davvero cosa fare. Sono così insoddisfatta. Non so quanto valga la pena continuare. A volte invidio C. Avrei voluto nascere come lei. Essere felice come lei di una vita così, alla giornata, senza nulla di più"
Il lavoro che ci sta portando via tutto. L'ambizione che ci spinge ad andare avanti.
Ieri sera, sdraiata di fianco a B., troppo stanchi anche per parlare, ci ho ripensato.
"Ma secondo te esiste qualcuno che ha la nostra età e sia veramente soddisfatto della sua vita?".
Esistono i trentenni soddisfatti? Espiro. Guardo il soffitto
Ci sono due occhi sgranati, nel bagno.
Due occhi colpevoli e spauriti.
Ci sono decisioni faticose da prendere, nei prossimi giorni. Problemi da risolvere. Problemi che avrebbero potuto non esserci ma che ci sono, per colpa mia.
Chiudo gli occhi. So che anche questa sera non dormirò.
Ne avrei tante, di cose da dire a B. Le solite cose che gli dico sempre, che non bastano mai, ma sto zitta perchè è stanco e non voglio disturbarlo.
Mi giro sul fianco, porto il braccio sotto al cuscino.
So che anche questa notte non dormirò.


2 commenti:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=_601kPxo1lQ

    metti su un pezzo depresso e canta a squarciagola

    MAAAAAAAAA A A AAIIII GIFT OF SELF IS REEEEEEEEIPD

    AND YET AI FAIND, AND YET A FAAAAAAAAAAAIND !!!!

    RispondiElimina